Mangiare a Roma… ristorante cinese!

Posted by in travel

Dopo tanti giorni a insistere sull’argomento, ieri ho convinto la mia dolce metà a ri- portarmi a mangiare cinese. Non che a lui non piaccia, ma essendo molto diffidente verso tutti e tutto, i ristoranti cinesi non sono proprio nella sua top ten di ristoranti dove mangiare bene, soprattutto perchè ha la “fobia” della puzza di fritto che ti si attacca addosso…

Non avendo voglia di arrivare al nostro ristorante cinese solito, abbiamo deciso di provarne uno più vicino a casa, senza troppi problemi di parcheggio nei dintorni e di cui avevamo sentito parlare abbastanza bene.

Yan Jing - La città delle meraviglie
Il posizionamento sulla mappa è approssimativo

Viale Marco Polo, 53
00154 Roma

06 5780030

Il primo impatto non è dei migliori, infatti già da fuori si sente l’odore forte della cucina… fortunatamente all’uscita ci renderemo conto che, nonostante questo, i nostri vestiti profumano ancora.

Entrando, troviamo numerosi tavolini occupati: un paio di famiglie con bambini, il resto coppie. Coppie principalmente gay, che ci fanno capire di essere in uno dei famosi “frocinesi“, ossia i ristoranti cinesi più gay friendly della città.

Veniamo accompagnati a un tavolo centrale, per due, solita tovaglia verdina e piatti con decorazioni bianche e blu su cui mangeremo tutta la cena, in quanto non cambiati tra una portata e l’altra (cosa che, comunque, se non sbaglio avviene in tutti ristoranti cinesi).

Cena:
- nuvolette di drago
- ravioli al vapore
- ravioli alla piastra
- spaghetti di soia gamberetti e verdure
- zuppa (non ricordo il nome, cominciava con la W)
- gamberoni alla griglia
- pollo fritto
- gelato fritto
- una bottiglia grande d’acqua

Spesa:
30,20 € (abbonato a 30)

Gnam:
gamberoni alla griglia davvero buoni, pollo fritto non all’altezza del resto, gelato fritto che lascia il tempo che trova, ma penso sia un problema mio di gusto, visto che il mio accompagnatore se lo è spazzolato via per bene. Portate abbastanza piccoline ma a un prezzo onesto.

Durante la serata…
Il cameriere che ci rispiega 3 volte lo stesso piatto ma non riusciamo a capirlo e decidiamo di orientarci su qualcosa di diverso, la cameriera a cui chiedo un cucchiaino per il gelato mi porta una forchetta!!!

# #