#tendenze

Di foulard e di Stylight

Posted by in fashion, trend

Non so voi, ma io sono una di quelle che usano la sciarpa tipo coperta di Linus. MAI senza. Al chiuso e all’aperto, un bello sciarpone arrotolato intorno al collo e via, meglio se abbondante, meglio se colorato su un outfit scuro. Sarà la timidezza, sarà l’insicurezza, saranno pure affari miei. Ad ogni modo, capite bene, che a giugno (nonostante queste ultime settimane siano state più simili a novembre che a maggio) può diventare scomodo girare con 2 metri di tessuto arrotolato intorno al collo, e se non è scomodo è alquanto schifosetto dato il sudore che assorbirebbe. Insomma, è evidente, a un certo punto dell’anno la sciarpa va in pensione. Apriti cielo: per me, che la porterei anche in spiaggia ad agosto, un trauma. Ma…c’è sempre un MA: MA-m-MA Moda ci viene in aiuto con i Foulard!

Il sito Stylight propone diverse tipologie di foulard. In foto, Hermes
Hermes Commercial

(altro…)

Tendenze 2013: il guardaroba per la primavera – estate

Posted by in fashion, trend

Dopo il post di ormai quasi tre settimane fa sulle scarpe primavera estate, non poteva mancare il post sulle tendenze 2013abbigliamento. Scaldate i portafogli, perchè ecco su cosa investirete tutti i vostri prossimi risparmi nei prossimi mesi.

Tendenze 2013 - total white

Gelato al cioccolato dolce un po’ salato
Chi di voi non ha mai desiderato fare la gelataia? Nessuno, dite? Avete ragione, anche io preferisco mangiarli, ma scommetto che anche questa volta ci cascherete (ci cascheremo, dai), e in breve tempo ci trasformeremo in gelataie provette con outfit total white. VIETATO indossarli se la carnagione è dello stesso colore della pagina word appena aperta, ma anche se siete lampadate come neanche nei film di De Sica.  Avvertenze: da indossare lontano dai pasti e, necessariamente, dal trucco. Che il collo della maglietta sporco di fondotinta è AUT.

Tendenze 2013 - fantasia azteca

Mai dire Maya
Dovevamo pur vendicarci. I Maya hanno provato a farci estinguere in ogni modo, ma non ci sono riusciti. E così, oltre al danno la beffa: sti cavoli dei Maya, dateci gli aztechi. Sui leggings, sulle borse o sui vestiti, ci trasformeremo in perfetti popoli precolombiani, sperando di lasciare a casa i cappelli di piume, che poi mi schiacciano i capelli e sembro un levriero afgano.

Tendenze 2013 - crop top

Zumba ehhhhh Zumba ahhhhhh

No, non è il titolo di un nuovo film porno, ma è ciò che la moda ci porterà a cantare 2-3 volte a settimana per i prossimi mesi. Per seguire le tendenze 2013, infatti, saremo costrette a sudare più del previsto, e sicuramente più di quanto non abbiamo sudato quest inverno, quando dalle nostre scrivanie e dai nostri divani ripetevamo: “Tanto l’estate è lontana, ho tempo per la prova costume!”… E invece no!! Perchè la moda, infima da generazioni, per questa estate ci ha tratto un agguato alle spalle, cattivissimo: il ritorno della pancia scoperta. Gli anni 90 e intere orde di adolescenti spice girl addicted non sono bastate a la Dea Moda che, grazie tante, ci fa tornare tutte con l’ombelico di fuori.

Tendenze 2013 - rete


All’ombra dell’ultimo sole s’era assopito un pescatore…
… al quale la rete avete rubato per indossare l’ultimo capo firmato. 
Ok, il povero De Andrè non aveva previsto questa rima oscena, ma era necessaria per introdurre questa simpaticissima tendenza. Non che abbia nulla in contrario con i pescatori, ma l’idea di sembrare una bella salsiccia imporchettata mi preoccupa non poco. 

Tendenze 2013 - righe

Riga sfina ma anche no
Volevo evitare di scrivere l’ultima delle tendenze 2013 che impazzano everywhere, ma non ce l’ho fatta. Nonostante si sia conquistata la mia simpatia e in poco tempo, con la stessa velocità ha cominciato a starmi sulle balle. Ogni essere umano è ormai, rigorosamente, vestito a righe. Che poi non è che visto che quelle verticali affinano, se le possono mettere tutte. Nel senso: se hai il culone e giri con i leggings a righe senza magliettona, sperando nell’effetto ottico che neanche Julian Beever, lascia perdere!

Tendenze 2013: le scarpe per la primavera estate

Posted by in fashion, trend

Come al solito, mi muovo per tempo per cercare delle scarpe che potranno piacermi per la stagione estiva. Sì perchè per trovarle, poi, ci metto almeno un paio di mesi. E, come dire, per unire l’utile al dilettevole, ci faccio anche un post, sulle tendenze 2013 del mondo scarpereccio. Let’s go!



Tacco Punta baby one two three – No, non siamo in un simpatico stacchetto del buon Don Lurio, ma nel pieno della prossima estate. Sembra infatti che, nelle tendenze 2013, non saremo in grado di rinunciare a scarpette dotate di punte ammazza scarafaggi agli angoli. Per me, un trauma: portare alla memoria inguardabili scarpe indossate nei primi anni 2000, con una lunghezza pari a quella della distanza caviglia – ginocchio, mi fa inorridire. Tuttavia ci abitueremo anche a questo, lo so, e come anche la vita alta, i pantaloni scampanati, e l’ombelico scoperto (ma ne parleremo meglio la prossima settimana), ci affideremo alla Dea Moda e faremo folli acquisti dei quali ci pentiremo davvero solo tra un altro paio di anni.

Al mio segnale… scatenate l’inferno! – E ora ditemi che non è vero. Sandali e scarpe ammazza piedi, in grado di farti sudare nonostante il loro essere scarpe aperte. L’inutilità totale: calde, straborda ciccia, e ovviamente orrende. Il solo pensiero di indossarne un paio low cost, con la bella plasticozza che ti fascia il piede come neanche al Policlinico, mi fa sudare da ogni poro sott’unghia. Ok, dopo questa immagine davvero poco invitante, lascio a voi l’ardua sentenza: vi piacciono?

Siamo tutte Cenerentola – Vi piacerebbe, lo so. Eppure stateci, continuerete ad essere le solite sfigate senza topini laboriosi, fatine magiche, e soprattutto principi azzurri. Niente però ci vieterà di sognare le scarpettine di cristallo, e, nell’attesa, ci potremo accontentare delle tendenze 2013 che ci propongono tacchi più o meno alti, rigorosamente trasparenti

Disco Dance – Le indosserete, e sarà subito Tony Manero. Un, due, tre: travestimento da stroboscopio perfetto. E nonostante il carnevale sia passato, prevedo lunghissime file di scarpe metallizzate fuori le tanto attese discoteche all’aperto. Ma alla fine un po’ di luce ci può stare, negli outfit scollacciati dell’estate. Unica accortezza: vietato indossarle con vestiti altrettanto paillettati e luccicosi, se non per propria decenza personale, almeno per evitare di render ciechi i vicini con il gioco di specchio – riflesso delle luci intorno a voi.


Pallaaaaaaa – Un po’ come quando siete nate e il vostro papi non si rassegnava ad avere una femminuccia tra i piedi anziché un bel maschietto con cui giocare a pallone. E così per i primi X anni di vita vi continuava a regalare macchinine (giuro, ho ancora il modellino della Ferrari), palloni (super santos docet) e scarpe da ginnastica, appunto. E poi vi portava a villa e cominciava a urlare da solo: PALLAAAAAAAAA! E voi dietro, a ridere. Oppure come i tempi delle Galaxy o delle Perry Ellis o ancora delle Silver. Ecco, sono tornate, le New Balance scarpe dell’estate. Anche qui, la decenza please di non portarle anche in spiaggia, e di limitarsi alla stagione primaverile piuttosto che estiva.

Voi avete scovato altre tendenze 2013 per ciò che riguarda le scarpe? E di questi, invece, che ne pensate?

Tendenze 2013: Effetto Dip Dye

Posted by in fashion, trend

Sì, lo so che ne abbiamo già avuto nel 2012, ma fatevene una ragione: il Dip and Dye continua ad essere nelle tendenze 2013. E sinceramente non mi dispiace. Non vedo l’ora di provare a fare la bella tintorina e a dipingere magliette e borse per far diventare tutto degradè. Passare poi una stagione estiva piena di abbinamenti sfumati e arrivare a settembre pensando: cosa essere questo orrore? 
Acne

Non so perchè, infatti, l’effetto dip and dye mi rimanda subito a quelle matasse di vestiti ammucchiati negli outlet: capi scartati da negozi, commessi, clienti e saldi. Un po’ come quelle fantastiche camicie patchwork messe in collezione da qualche brand esclusivamente a causa di assunzione di droghe pesanti da parte dell’ufficio stile, o quella magnifica lunga gonna jeans che qualcuno ha azzardato ritirare fuori dopo gli anni ’90 pagandone le conseguenze.

H&M
Pull & Bear

Fino a che però l’ombrè cavalca l’onda, cavalchiamola anche noi. 

H&M
Forever21

E così mi sono divertita a scovare qualche pezzo uomo – donna per la prossima sping summer, capendo così ufficialmente che il dip and dye è una delle tendenze 2013 da tenere sotto occhio. 

Zara
TopMan
Stradivarius

Camicia jeans: come te la metto

Posted by in fashion, trend

Il capo più classico dei classici: la camicia. In una versione che è ancora più classica del modello: il denim. Eppure continua a spopolare come tendenza della stagione, alternando lunghezze e lavaggi. E io la amo sempre, in ogni modello e in ogni colore. E non potevo allora non raccogliere un po’ di ispirazioni che vedono la camicia jeans come protagonista assoluta. 
http://www.thefashionfraction.com – http://ledressingdeleeloo.blogspot.it – http://www.shewearsfashion.com – http://www.districtofchic.com/

Annodata: fa molto hippie anni ’70, ma colpisce nel segno. Con una gonna lunga, con degli shorts, con dei pantaloni o un vestito non ha importanza, basta annodare! Personalmente il nodo lo preferisco basso, come nella seconda foto, piuttosto che alto come le camicette di Grease, ma poi a ognuno la sua!

http://www.halliedaily.com – http://ragsandredbottoms.com – http://tina-sblog.blogspot.com – http://www.flickr.com/photos/pretty_like_drugs
Dentro ai pantaloni: bella, se si vuole una versione un po’ più elegante o almeno curata di un capo molto casual come è la camicia jeans. Mi piace se la gonna o il pantalone in questione è a vita alta, e soprattutto se non crea rigonfiamenti strani come nella prima foto. In pratica, la preferisco nella versione 2 e 3 (e soprattutto: quanto è figa la seconda? Intendo proprio lei, io voglio i suoi capelli, come si può fare?)

http://connectedtofashion.creatorsofdesire.com – http://belledecouture.com – http://www.friendinfashion.blogspot.it –  http://anyannachiara.blogspot.it
Sotto a un maglione: mi piace, anche se non sono riuscita a trovare foto da far impazzire. Tra queste, preferisco la terza versione, con un maglione molto corto e a maglia lavorata (e a tal proposito ne ho trovato uno P E R F E T T O nero nell’armadio di mia madre, e l’ho più o meno costretta a sferruzzarne un altro apposta per me!)

http://brunetteblogging.com – http://syntheticaudio.blogspot.it – http://bekleidet.net – http://www.anouskaproettabrandon.com

Aperta: è la versione che mi piace di meno, forse più adatta alla camicia lunga che andava qualche tempo fa. Sicuramente riesce a dare un animo un po’ rock e trasandato all’outfit, della serie: ho il vestitino carino bianco romantico, e ti ci metto sopra ‘sta camicia per non sembrare la bambolina di porcellana. 

E voi, come la preferite l’intramontabile camicia jeans?

Shorts d’inverno: sì o no?

Posted by in fashion, trend

La domanda è sempre quella, anno dopo anno, collezione dopo collezione: shorts in inverno sì o no? Dopo avervi dato delle idee di outfits per l’autunno e parlato dei collant, non potevo che unire i due argomenti e creare questo post.


Per rispondere alla prima domanda, io ovviamente dico: sì, sì e sì!! Shorts in inverno sempre, e per ogni occasione, ovviamente con le dovute attenzioni. Ed è su questo punto che mi vorrei soffermare un attimo, perchè non vorrei che la affermazione scritta poche righe sopra possa creare fraintendimenti. Con “shorts d’inverno sì”, non intendo A S S O L U T A M E N T E questo scempio:

http://what-tanya-did.blogspot.co.uk – http://www.melisaminca.com – http://pineneedle-collective.blogspot.it 


1) andare in giro conciate come dei prosciutti Fiorucci da stagionare *

2) non penso abbia bisogno di essere commentata, ma commentiamo ugualmente. Passiamo sopra allo zainetto estremamente sportivo, passiamo sopra all’aver mischiato nero e blu, e passiamo (con non poca fatica) sopra a quella specie di cinta a peplum. Ma NON posso passare sopra a quei COSI, perchè guai a chi si azzarda a chiamarli pantaloni, con, come se non bastasse, sotto i collant. Sto per svenire, non scherzo.

3) ecco, diciamo che non amo gli shorts mezza lunghezza, ma eviterei il giro-chiappa, grazie.

* [ApertaparentesiN.B., e nota anche preventiva di possibili attacchi alla mia persona come blogger pro-anoressia. Io sono magra, è vero, ma non voglio assolutamente attaccare le cosiddette “curvy” come si suol dire in termini blogghereggi. In particolare, anche della tizia in questione, amo parecchi outfits, e credo che molte ragazze taglie forti abbiano quasi più gusto delle più magre. Questo però non significa che uno debba prendersi in giro: come una ragazza senza seno cercherà di evitare determinate scollature, come le gnappe eviteranno vestiti lunghi e magliettone, come le taglie mini avranno non pochi problemi a trovare qualche abito che non le faccia sembrare protagoniste del film “mi si sono ristretti i ragazzi”, così le rotondette dovrebbero evitare cosce di fuori, jeggins fascianti e così via. Si tratta semplicemente di buon gusto e di sapersi valorizzare. [Chiusaparentesi]


Precisato questo punto, vorrei dire anche che qualora voi siate quel tipo di ragazze che con la neve si fa le foto in shorts senza calze perchè fa molto figo, ecco, non siamo sulla stessa lunghezza d’onda. In definitiva, e finalmente ci sono arrivata, per me la regola è questa: hot pats estivi d’inverno sì, dotati di calze, collant e buon gusto.
Tra tutti gli outfits possibili, i miei preferiti sono in assoluto quelli con i collant velati e le parigine pesanti sopra. No, effettivamente io non li sono mai riuscita a portare così, ma sulla carta (o meglio sullo schermo) mi fanno letteralmente impazzire.
http://thenativefox.blogspot.it – http://nadiaesra.blogspot.it – http://messedupcloset.blogspot.it/

Sono poi riuscita a scovare un po’ di abbinamenti niente male anche per delle situazioni più formali, come ad esempio delle cene, delle riunioni, o semplicemente delle giornate in cui ci si voglia sentire più femminili, levando possibili scomodità dovute a minigonne che si alzano più del dovuto. E così via alle camicie, a dei piccoli tacchi (occhio, troppo alti si scende nel volgare) o ancora meglio delle stringate e delle magliette basic.

http://www.scentofobsession.com – http://www.fashionfillers.com – http://www.cutexcoco.blogspot.it

In fine, ecco tre idee per utilizzare degli shorts un po’ più particolari: versione rock con le borchie evidenti, versione serale con shorts scintillanti e versione giorno con delle piccole applicazioni e un look total black arricchito da un unico accessorio\capo colorato.

http://connectedtofashion.creatorsofdesire.com – http://www.theonlyfashionprincess.com – http://www.fashionchalet.net/


Che ne pensate? Per voi gli shorts in inverno sono in o out, e quale abbinamento preferite?